domenica 17 marzo 2013

JAPANESE CHEESECAKE ovvero mangiare una nuvola

Alla ricerca di un dolce particolare con cui partecipare al contest di morena in cucina , che aveva come ingrediente base la ricotta, mi sono imbattuta in questa ricetta, il japanese cheesecake, detto anche soft cotton cheesecake.

Non sono riuscita a trovare alcuna notizia sull'origine del dolce, in particolar modo non ho scoperto perchè si chiami "giapponese".
In comune con il cugino cheesecake americano ha quasi esclusivamente il fatto di essere preparato con il formaggio, precisamente con quello che gli americani chiamano "cream cheese" e che può essere identificato con il philadelphia o simili.
Non è presente, infatti, la tipica base di biscotto e il dolce ha una consistenza molto più leggera e morbida, quasi come un soufflè.
Sembra davvero di mangiare una nuvola!

Nella mia versione ho apportato una piccola modifica, utilizzando solo in piccola parte il philadelphia, sostituendolo per il resto con la ricotta.



Dosi per una tortiera diametro 26 (anche se io ne ho usata una rettangolare)


250 gr formaggio cremoso (io 170 gr di ricotta e 80 gr di philadelphia)
140 gr zucchero
100 ml latte
60 gr farina
20 gr maizena
50 gr burro
6 uova
1 cucchiaio di succo di limone
1 punta di lievito.
la scorza di un limone oppure aroma a piacere (io fiori d'arancio)


In una terrina capiente mescolare il formaggio con il burro fuso ed il latte, fino ad ottenere un composto liscio e omogeneo.















Aggiungere a poco a poco la farina e la maizena setacciate, poi tuorli d'uovo.


 

In una ciotola a parte montare gli albumi a neve, aggiungendo a poco a poco lo zucchero ed il lievito 


Incorporare gli albumi montati al composto di formaggio e aggiungere infine la scorza di limone grattuggiata o l'aroma scelto.

Versare il composto in una tortiera foderata con carta forno


Inserire la tortiera in una più grande, che la contenga completamente, riempita con due dita d'acqua.

Cuocere in forno già caldo a 160° per 70 minuti

 Lasciar raffreddare bene e servire con una composta di frutta o con una salsa al cioccolato.

In questo caso io avevo aromatizzato il dolce con l'acqua di firoi d'arancio, quindi l'ho accompagnata con  una marmellata di arance amare.



Con questa ricetta partecipo al contest di morena in cucina



10 commenti:

  1. Dolcetto interessante!!! Mi sono unita ai tuoi followers, anche perchè abbiamo diverse cose in comune! Sono anch'io avvocato....e come dici tu solo perchè ho studiato per questo!!! Ma la mia vera, assoluta passione è la cucina e la pasticceria!!!! Vieni a farmi visita...http://il-pappamondo.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Monica! Verrò sicuramente a trovarti!

      Elimina
  2. Ho sentito parlare di questo dolce e mi ha sempre incuriosita perchè sembra particolare e davvero gustoso. Prima o poi mi deciderò a farlo!!!
    Grazie per aver partecipato alla mia sfida!
    Un abbraccio,
    More

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi dispiace solo aver scoperto il tuo contest solo per l'ultima puntata!

      Elimina
  3. Buonissimo, adoro questa versione "nipponizzata" del cheesecake!
    ho appena scoperto il tuo blog casualmente, ora vado a sbirciarmi altre ricette e nel frattempo mi aggiungo ai lettori fissi! :)
    passa anche da me se ti va ;)
    a presto,
    Michela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Michela, grazie per il commento! Per ora il blog è piccino piccino, ma spero di farlo crescere in fretta. Passo senz'altro a trovarti!

      Elimina
  4. Deliziosa! Devo solo procurarmi i formaggi cremosi e poi la proverò. Due domande: hai mischiato ricotta e philadephia perchè migliora la consistenza? Ciao e grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Raffaella, grazie x la visita! In realtà la scelta della ricotta è dovuta al fatto che ne avevo in casa e che volevo partecipare al contest in cui era previsto l'uso di questo formaggio.
      La ricetta originale prevedeva solo Philadelphia, penso sarebbe buonissimo comunque, forse solo un po' più pesante.
      Se provi fammi sapere com'è venuto! :-)

      Elimina
    2. Ciao, posso chiederti come hai trovato la ricetta? Hai anche tu il libro di Alex Goh? Questo dolce è piaciuto moltissimo anche a me, peccato che non ho mai i contest sott'occhio!
      antonella (Toni's Pastries)

      Elimina
    3. Ciao Antonella! Ho scoperto l'esistenza di questo dolce su Pinterest se non mi ricordo male, poi mi sono messa a cercare ricette in rete (sono più o meno tutte uguali quelle che ho visto) e ne ho riadattata una per utilizzare la ricotta.
      Il libro che citi tu non lo conosco.
      Grazie per la visita, ricambierò!

      Elimina

Se per caso o per scelta siete passati da questa pagina lasciatemi un messaggio, non restate nell'ombra! Mi fa piacere conoscervi!